Sentenze - Studio Legale Avvocato Gerardo Russillo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sentenze

Il genitore che non versa l’assegno di mantenimento per intero non sempre commette reato.
Il caso in esame è piuttosto frequente nella prassi quotidiana: la sentenza di separazione determina l’assegno di mantenimento per i figli, il genitore lo corrisponde inizialmente per intero ma, a seguito delle sopravvenute minori entrate, lo autoriduce. Commette in questo caso il reato p.e p. dall’art. 570 c.p. (violazione degli obblighi di assistenza familiare)?
IL DIRITTO DEL MINORE AD ESSERE ASCOLTATO NEI GIUDIZI CHE LO RIGUARDANO.
Il caso esaminato nel presente commento è relativo al disaccordo dei genitori separati in ordine alla volontà del figlio minore di cambiare, nell’anno scolastico in corso, l’indirizzo di studio prescelto.
PRODUZIONE DOCUMENTALE IN APPELLO
IN FATTO
La sesta sezione civile della Suprema Corte ha cassato con rinvio la sentenza resa dalla CTR Sicilia che ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dall’Ufficio contro la pronunzia che aveva annullato i ruoli ed il fermo amministrativo impugnati, ritenendo inammissibile la produzione in grado di appello della documentazione concernente la notifica delle cartelle di pagamento.

RECUPERO A TASSAZIONE DELLA CAPARRA E TRANSAZIONE.
IN FATTO
La fattispecie attiene l’impugnazione di una notifica di accertamento emessa dall’Agenzia delle Entrate che riscontra un maggior reddito di impresa di quello dichiarato dalla società ricorrente, recuperando a tassazione l’importo della sopravvenienza passiva ordinaria dedotta dal reddito di impresa regolato con una transazione tra leparti.
QUESTIONE DI LEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE DELL’ ART. 54 COMMA 2 D.L. 112/08 CONVERTUTO  IN L. 133/08 SS. MM. II
Atto notorio e onere dellla prova
Il caso è relativo al risarcimento del danno non patrimoniale patito dai familiari per la morte di un diretto congiunto. Accertata la responsabilità del personale medico che aveva in cura il soggetto, in presenza di omissioni diagnostiche e terapeutiche, il Tribunale di prime cure stabilisce che la corretta esecuzione delle procedure mediche avrebbe dato al paziente buone probabilità di superare la gravità della condizione clinica.
Vendita di immobili
La sussistenza, sul bene immobile oggetto di compravendita, di un abuso a carico del cespite noto alle parti acquirenti come sanabile ma successivamente rivelatosi insanabile è causa di risoluzione del contratto o di riduzione del prezzo ex art. 1480. Non potendosi la fattispecie sussumere nell’ambito della disciplina della garanzia per vizi ex art. 1490 c.c. – in considerazione della non configurabilità come anomalia strutturale.
DEMANSIONAMENTO: ORIENTAMENTI DELLA CASSAZIONE A CONFRONTO
Articolo 2103 Codice civile: Mansioni del lavoratore
“Il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti all’inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni riconducibili allo stesso livello di inquadramento delle ultime effettivamente svolte”.

Imprenditori agricoli ed agevolazioni fiscali.
La sentenza della CTR di Roma ha analizzato i requisiti e le formalità che devono essere rispettate per poter beneficiare delle agevolazioni fiscali in caso di acquisto di terreni agricoli da parte degli imprenditori agricoli.

Gli eredi del conduttore non conviventi che hanno ricevuto l'intimazione di licenza per finita locazione, non possono agire con l'azione possessoria, in caso di spoglio da parte dei legittimi proprietari.
Il caso sottoposto al vaglio del Tribunale di Roma può essere sintetizzato come segue: sottoscritto il contratto di locazione molti anni fa, il proprietario aveva chiesto ed ottenuto la licenza per finita locazione del suo appartamento
Opposizione del terzo all’esecuzione immobiliare.
Ciò che caratterizza questa sentenza è che il giudice riconosce al verbale di omologazione delle condizioni di separazione l’idoneità di titolo, di per sé valido al trasferimento del bene oggetto di pignoramento, senza la necessità di un ulteriore atto notarile.
 
Il ritardo della P.A. nei pagamenti ai privati e l’astreinte.
La sentenza che si commenta, pronunciata dal TAR Campania, involge l’istituto dell’astreinte, di chiara derivazione francese, come del resto gran parte dell’assetto amministrativo nazionale.

Il diritto di proporre ricorso in Cassazione avverso la sentenza di assoluzione emessa dal GUP ex art. 425 c.p.p. non spetta agli eredi se il decesso non si pone quale conseguenza diretta del reato omissivo contestato al sanitario, di conseguenza il ricorso proposto è inammissibile.

Nullità delle multe elevate dagli Ausiliari del traffico

Alcune osservazioni sul reato di falsità ideologica



Contratti di lavoro a termine e mutuo consenso



Il reato di calunnia non sussiste se il procedimento penale che ha avuto origine a seguito delle affermazioni calunniose è stato archiviato.



Lastrico solare in uso esclusivo e partecipazione alle spese di riparazione

Sentenza TAR per il Lazio in materia di ordinanza ingiunzione per presunti abusi edilizi e violazione del termine per la sua notifica (45 giorni dopo l’ordinanza di sospensione dei lavori).

OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE E RIPARAZIONE DEL DANNO

REGOLARIZZAZIONE DI SOCIETA' DI FATTO ED IMPOSTE DI TRASFERIMENTO DI IMMOBILI.

Bonds Argentini: responsabilità della Banca per omesse informazioni all’investitore sulle specifiche caratteristiche dei titoli argentini e sull’inadeguatezza dell’investimento.

Recenti orientamenti della Corte di Cassazione in merito al ruolo dell’udienza preliminare nell’ambito del procedimento penale.
OMICIDIO COLPOSO. RIFIUTO DI ATTI D’UFFICIO. OMISSIONE.


L’opposizione nel giudizio di Equa riparazione tra sanabilità della notifica e interpretazione del nuovo art. 2 comma 2 ter della L. n. 89/2001 (Legge Pinto).


IL PERDONO GIUDIZIALE NEL PROCESSO MINORILE

IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO ED EQUA RIPARAZIONE

IL COMODATO DELLA CASA FAMILIARE E LA RESTITUZIONE AD NUTUM SU ISTANZA DEL TERZO


L’EFFICACIA DEL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO

La procura contesta il reato di riciclaggio in presenza di phishing anche senza la consapevolezza del titolare del c.c..  (Tribunale di Salerno –  09 / 01 / 2013)

I DIVERSI ORIENTAMENTI DEL GIUDICE DI PACE IN ORDINE ALLA NATURA GIURIDICA E ALLA VALIDITA' DEI VERBALI DI CONSTATAZIONE DEI VV. UU.

MANCATA CONTESTAZIONE IMMEDIATA DI VIOLAZIONE DEL C.D.S.


ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA CORTE D’ASSISE DI ROMA RELATIVAMENTE AL CASO DI STEFANO CUCCHI



TAR Lazio, affidabilità e capitale sociale necessario per la partecipazione al bando pubblico.

Omidio colposo. Rifiuto di Atti D'Ufficio. OMISSIONE.


Sentenza Giudice di Pace di Sulmona: "Lesioni personali colpose (ex art. 590 c.p.) nel giudizio dinanzi al Giudice di pace".


Sentenza  Tribunale di Roma: "Opposizione del terzo all’esecuzione immobiliare".


Sent. Tribunale di Roma - 0013/2011 -Illeggittimità di licenziamento: PRINCIPIO DI PROPORZIONALITA’ NELL’IPOTESI DI LICENZIAMENTO DISCIPLINARE (ex art. 2106 e 2119 c.c.)".

Sentenza Tribunale Ordinario di Roma -   R. G. Procura N. 7112/04: "L’orientamento del Tribunale penale di Roma in tema di circonvenzione di incapaci"

Sentenza Corte di Appello di Roma -   Sezione Penale  N. 1831/10 Reg Sent.: "Estensione amanuense della sentenza e dichiarazione di nullità per difetto di motivazione".

Sentenza Tribunale di Palermo -   Terza Sezione Civile: "Responsabilità del gestore telefonico per inadempimento contrattuale dovuto al mancato rispetto dell’attribuzione esclusiva di indirizzi IP".

Sentenza Tribunale di Velletri -   Affari Diversi: "L’orientamento della giurisprudenza in tema di spese di lite in caso di cessazione della materia del contendere".

Sentenza Tribunale di Roma -   Terza Sezione Civile -   N. 14831/2012: "Garanzie commerciali e legali nel contratto di compravendita, tra Codice del Consumo e Codice Civile".

Sentenza Corte Suprema di Cassazione -   Sezione Lavoro -   12518/2012: "IL DEMANSIONAMENTO PROFESSIONALE E IL DANNO ALLA PROFESSIONALITA’ (art. 2103 c.c.)".

Sentenza Corte di Appello di Roma -   Terza Sezione Penale: "CONCORSO IN FALSO IDEOLOGICO, IN ABUSO D’UFFICIO AGGRAVATO E CONCORSO IN FAVOREGGIAMENTO.  LA CORTE DI APPELLO DI ROMA ASSOLVE IL FUNZIONARIO DEL PRAP, UNICO CONDANNATO IN 1^ GRADO NEL PROCESSO CUCCHI".

Sentenza Corte Suprema di Cassazione -   Sezione Lavoro R.G.N. 7878/2010: ""Contratti di lavoro a termine e mutuo consenso".

Sentenza Corte Suprema di Cassazione -   Sezione Lavoro -   15269/2012: "tutela dei lavoratori disabili obbligatoriamente avviati al lavoro"

 
Torna ai contenuti | Torna al menu