Diritto Tributario - Studio Legale Avvocato Gerardo Russillo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Diritto Tributario

Diritto
SCOPO MUTUALISTICO: Il suo accertamento tra le competenze del MISE ed i poteri dell’Agenzia delle Entrate.

L’attività di una cooperativa è stata oggetto di indagine da parte della Guardia di Finanza al fine di accertare eventuali irregolarità e per stabilire se la stessa poteva beneficiare delle agevolazioni fiscali quale ente mutualistico.
A seguito di detta verifica, la Guardia di Finanza, emetteva nei confronti della società cooperativa il  processo verbale di constatazione con il quale, dopo aver evidenziato la correttezza della tenuta di tutti i libri contabili per gli anni verificati, contestava i seguenti fatti:... Continua a leggere il commento

PRODUZIONE DOCUMENTALE ANCHE IN APPELLO
IN FATTO
La sesta sezione civile della Suprema Corte ha cassato con rinvio la sentenza resa dalla CTR Sicilia che ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dall’Ufficio contro la pronunzia che aveva annullato i ruoli ed il fermo amministrativo impugnati, ritenendo inammissibile la produzione in grado di appello della documentazione concernente la notifica delle cartelle di pagamento..

RECUPERO A TASSAZIONE DELLA CAPARRA E TRANSAZIONE.
IN FATTO
La fattispecie attiene l’impugnazione di una notifica di accertamento emessa dall’Agenzia delle Entrate che riscontra un maggior reddito di impresa di quello dichiarato dalla società ricorrente, recuperando a tassazione l’importo della sopravvenienza passiva ordinaria dedotta dal reddito di impresa regolato con una transazione tra leparti. Tale importo era stato computato quale caparra confirmatoria all’atto della definizione del contratto di compravendita, mentre a parere dell’Agenzia delle Entrate essa doveva essere imputata a prezzo delle unità immobiliari, così come risultante dal preliminare di vendita..

Imprenditori agricoli ed agevolazioni fiscali.
 
La sentenza della CTR di Roma ha analizzato i requisiti e le formalità che devono essere rispettate per poter beneficiare delle agevolazioni fiscali in caso di acquisto di terreni agricoli da parte degli imprenditori agricoli.
La L. 604/1954 all’art. 4 prevedeva che: entro il termine di tre anni dalla registrazione dell’atto di acquisto del terreno, l’imprenditore agricolo o le società agricole, a seguito della riforma introdotta dal DLgs 99/2004 che le ha equiparate agli imprenditori agricoli,  dovevano notificare il certificato definitivo attestante la qualità di imprenditore agricolo, pena la decadenza dai benefici concessi in sede di registrazione dell’atto...

REGOLARIZZAZIONE DI SOCIETA' DI FATTO ED IMPOSTE DI TRASFERIMENTO DI IMMOBILI.


La sentenza della CTP di Roma, che si commenta, affronta un tema molto discusso e cioè la tassazione del conferimento di un complesso immobiliare facente già parte del patrimonio di una società di fatto che, nella fattispecie è stata prima regolarizzata in società in nome collettivo e poi trasformata in società a responsabilità limitata.


L’EFFICACIA DEL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO

La sentenza che mi accingo a commentare concerne una questione fortemente dibattuta in sede tributaria, la quale ha interessato, non solo la dottrina più autorevole, ma anche numerosa  giurisprudenza che negli anni si è dimostrata non univoca sul punto e che ha indotto la Suprema Corte ad una pronuncia a Sezioni Unite.
Il quesito di fondo emerso nel caso di specie, ma estendibile a tutta la materia tributaria, mira a comprendere se possa o meno attribuirsi efficacia di giudicato esterno all’accertamento definitivo contenuto in una decisione adottata tra le medesime parti in causa, concernente altre annualità dello stesso tributo o tributi differenti che presuppongono però gli stessi elementi fattuali.


AVVISO LIQUIDAZIONE E IRR. SANZIONI n" 20011V01143000 REGISTRO
contro AGENZIA ENTRATE UFFICIO ROMA 3


La sentenza in esame recepisce l’orientamento dominante delle Commissioni Tributarie in tema di accertamento in materia di imposta di registro. In particolare la proroga prevista dall’art. 11 comma 1 della L. 289/02 si estende solo ai casi tassativi indicati dalla norma citata. Di conseguenza non rientrando tra essi l’accertamento della perdita delle agevolazioni fiscali per coloro che benficiano dell’imposta ridotta per la prima casa, l’accertamento deve essere effettuato, a pena di decadenza, entro due anni dalla registrazione dell’atto.
Avv. Gerardo Russillo

Scarica la Sentenza


AVVISO DI ACCERTAMENTO n. 4140734841427372-41427269 I.C.I. 2000
contro COMUNE DI FIUMICINO


In materia di ICI su un complesso alberghiero è legittima la riduzione dell’imposta al 50% se lo stesso non è integralemente fruibile anche in assenza dell’accertamento dell’inabilità da parte dell’Ente impositore.
E’ questo principio stabilito dalla CTP nella sentenza in esame.
Scarica la sentenza in formato PDF



 
Torna ai contenuti | Torna al menu